La Notte Bianca dei Licei

La Notte Bianca dei Licei Economico Sociali e l'Economia Civile

A San Giovanni Valdarno, venerd́ 26 ottobre, anche i Licei "Giovanni da San Giovanni" di piazza Palermo hanno partecipato con un programma ricco e articolato, all'evento nazionale: "La Notte Bianca dei Licei Economico Sociali", che quest'anno aveva come tema "I nuovi diritti nel mondo globale". Tra gli ospiti anche Luigino Bruni.

Laboratori orientativi, interventi sui temi scottanti della privacy e del cyberbullismo: questi gli ingredienti che hanno arricchito il pomeriggio della “Notte Bianca dei Licei Economico Sociali" presso l'Istituto "Giovanni da San Giovanni" di San Giovanni Valdarno. Tra gli interventi, quello di Cosmo Crolla, Giudice di Corte di Cassazione; Dania Mori, Giudice della Corte d’Appello di Firenze; Giorgio Ponti, Avvocato Penalista; e ancora, Giovanni Salerno, Dirigente Psicologo della Azienda USL Toscana Sud-Est; Luigino Bruni, Economista e Docente Universitario alla LUMSA di Roma e IUS SOPHIA; Gianfranco Donato, Docente e Presidente della Banca del Valdarno; Alessandro Bencivenni, Docente e Animatore digitale.

Presentando Luigino Bruni e il progetto di Economia civile, la Dirigente Lucia Bacci ha usato parole coinvolgenti per raccontare la sua esperienza di formazione presso la Scuola di Economia Civile che si tiene al Polo Lionello Bonfanti. Esperienza che l’ha portata a richiedere una nuova sezione del suo Liceo, dedicata proprio all'approfondimento di queste tematiche.

Nel suo intervento, Luigino Bruni ha esordito sottolineando la già esistente fruttuosa collaborazione del Polo Lionello Bonfanti con l'Istituto, ringraziando gli studenti che hanno svolto con molto impegno e coinvolgimento il loro stage in servizi di accoglienza e segreteria durante la manifestazione Loppianolab, svoltasi a fine settembre nella cittadella di Loppiano. Luigino Bruni ha anche approfondito i temi, quali "Diritti della persona, ambiente e globalizzazione”. Dopo di lui, Gianfranco Donato, presidente della BCC del Valdarno, ha testimoniato come si possa essere banca in modo “civile”.

Al termine della notte bianca, un breve spettacolo teatrale e l’esibizione del neonato coro d’Istituto hanno concluso la manifestazione all’insegna dell’inclusione e della bellezza.